La Casetta Bianca a Praia a Mare (con saluti)

20170903130632_IMG_2960

Ho raccontato le meraviglie di Maratea, ho descritto la rilassante semplicità del Lago Sirino, ho invitato gli avventurieri (e quelli che come me non lo sono manco per niente) ad un faticosa scarpinata che porta alle bellissime spiagge di San Nicola Arcella. E Praia a Mare? Be’, Praia – giacché il distacco non è mai facile e io mi impegno sempre ad agevolarmi il lavoro – me la sono lasciata per il giorno della partenza.

Praia è per me splendida: qui lascio gli affetti, la famiglia, i ricordi di questa estate e quelli di una vita. Un’isola (detta ”di Dino”) con le sue variegate grotte visitabili, che richiama lo sguardo da qualsiasi punto del paese, circondata da un mare blu che si è meritato anche quest’anno la bandiera dello stesso colore; un santuario incastonato tra la roccia come un diamante (di recente quasi divorato da un incendio e dalla stupidità umana); un vialone alberato per il passeggio ed un contrapposto lungomare; un carinissimo centro pieno di locali interessanti.
Ve la fotografo da un elegante ristorante, ”La Casetta Bianca”, in contrada Fiuzzi 49, di cui sono stata ospite in occasione del battesimo di mio nipote.

20170903130459_IMG_2952

Il posto è giustappunto panoramico (i miei articoli delle ultime settimane sono monotoni: panorama e bellezza, bellezza e panorama… Ma qui è così… Che ci posso fare?) ed oggi offre uno spettacolo suggestivo perché, complice la tempesta della notte, il mare ha l’irrequietudine di fine estate. Sullo sfondo l’Isola di Dino.

Dal momento in cui entro mi balza all’occhio la cura dei dettagli: vero che noi siamo ad un pranzo per una ricorrenza e non avrebbero potuto liquidarci con una tovaglietta ed un tozzo di pane, ma guardandomi attorno noto che anche gli altri ospiti del ristorante sono molto attenzionati.

Personale gentile e conciliante con le esigenze di un gran numero di bambini intolleranti allo star seduti per un tempo non quantificabile.
Il menù di pesce è gustoso e stuzzicante. L’antipasto non si limita ad una banale insalata di mare ma si colora di simpatici accostamenti; non a caso si intitola ”fantasia del pescatore praiese”: dal classico polipo e patate all’allegro baccalà con peperoni ed al ricercato seppie e finocchi.
Il risotto misto mare è delicato ed il gratin con tanto di cozze è assai sfizioso.
Ma quello che voglio sicuramente provare a ricopiare a casa è lo squisito primo di scialatielli con calamari, gamberoni e pistacchio. La pasta fatta in casa amalgamata a questo sughetto vale il rischio (ahimè di percentuale molto elevata) di ridursi a pois il vestito.

20170903130909_IMG_2963
Si chiude con una macedonia con gelato al pistacchio.
È un buon sapore per terminare una vacanza: i miei sensi sono assolutamente appagati.
Così come questo è sicuramente un buon posto per salutare il mio paese, la mia estate e questo mare di inizio settembre.

2 pensieri riguardo “La Casetta Bianca a Praia a Mare (con saluti)”

  1. Che nostalgia, per chi come me ha il mare nel cuore l’autunno se lo porta via…ma suvvia tre stagioni che, indaffarati come siamo tutti, passeranno veloci e poi lui sará di nuovo lí anche per noi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *