Cipolline in agrodolce con il Bimby

Fotor_151016147513934
cipolline

Cipolline in agrodolce. Agro: come il sapore che ti lasciano in bocca talune persone. Gente con cui, per la verità, non condividevi molto oltre alle convenevoli conversazioni nelle occasioni di incontro. Il che, a maggior ragione, ti fa lambiccare il cervello sul perché le dette persone – praticamente ascrivibili alla categoria ”conoscenti” – abbiano dovuto affacciare il naso nelle tue faccende e spolverarci su anche un po’ di melma.
Dolce: come il pensiero che questo ti legittima ad eliminare anche le suddette convenevoli conversazioni nelle occasioni di incontro. E come il pensiero che la gente di cui hai deciso di circondarti è completamente diversa.

Fotor_151022112698039
stuzzicanti…

Ingredienti
Cipolline 500 gr
Olio Evo 30 gr
Aceto di mele 50 gr  e Zucchero 20 gr
Acqua 500 gr
Sale quanto basta

Mettere nel boccale l’acqua ed un pizzico di sale. Sistemare le cipolline nel cestello e posizionarlo nel boccale. Cuocere 20 minuti a varoma. Svuotare il boccale e posizionare la farfalla. Unire l’olio e le cipolline, quindi cuocere a 100 gradi velocità​ 1 per 4 minuti. Aggiungere l’aceto e lo zucchero: 5 minuti, velocità 1, varoma.

“Sbocciano I fiori sbocciano
E danno tutto quel che hanno in libertà
Donano non si interessano
Di ricompense e tutto quello che verrà
Mormora la gente mormora
Falla tacere praticando l’allegria
Giocano a dadi gli uomini
Resta sul tavolo un avanzo di magia…”

piccola idea

 

Nel mio giardino si salva il basilico: pesto con mandorle

Fotor_150809245505771

Guardo sempre con circospezione le persone che mi parlano di giardinaggio. Ascolto i loro racconti di coraggiosi salvataggi di piante oramai moribonde; mi incuriosisco di fronte alla spiegazione di strani miscugli; mi insospettisco dei decantati benefici dei concimi. Questi poteri paranormali da pollice verde non li ho proprio. Se una pianta varca il cancello del mio giardino va incontro a morte quasi probabile. E ciò nonostante mi impegni davvero, lo giuro. Concimo, zappetto, estirpo foglie secche, innaffio, mi informo con google e finanche parlo con i fiori (pure con quelli). Ma non c’è nulla da fare: la pianta tutta allegra e pimpante col passare dei giorni si riduce ad un secco arbusto. Che poi avendo l’agronomo in casa dovrebbe essere semplice… E qui mi rendo conto di quanto sia vero il detto ”il figlio del calzolaio va in giro con le scarpe rotte”.
Un vago barlume di gradevolezza il nostro giardino ce l’ha in primavera. Per la serie ti piace vincere facile: mi limito a scegliere bei fiori al vivaio ed a trapiantarli in estetiche composizioni.
Nonostante dunque il mio pollice non possa definirsi propriamente verde, di una cosa il giardino pullula: basilico. Quest’anno la temperatura gradevole me lo fa ritrovare ancora rigoglioso; quindi mi affretto a raccoglierlo per preparare bicchierini di pesto che conservo nel congelatore (uso i bicchieri da caffè di plastica).
Pesto alle mandorle con bimby
80 g di basilico, 50 gr di parmigiano, 30g di mandorle spellate, uno spicchio di aglio, 150 gr di olio extravergine di oliva, sale.
Lavare le foglie di basilico ed asciugarle. Mettere nel boccale il parmigiano, le mandorle, l’aglio ed il basilico e frullare a velocitá 7 per 20 secondi. Unire l’olio ed il sale: 20 secondi a velocità 4.
Ne ho usato un po’ subito per questi spaghetti, il resto è nel freezer come riserva invernale.

20171015120725_IMG_3477-01