sbriciolata con mele

sbriciolata
sbriciolata con mele

Sbriciolata con mele per addolcire le frenetiche colazioni.

Ieri ho blaterato senza dare nessuna ricetta, oggi vi suggerisco un’idea evitando di blaterare tanto. Quello che mi stupisce è la coerenza del mio blog 😂😂😜.
Il fatidico primo vero lunedì dell’anno è andato: uggioso, impegnativo, organizzativo, frettoloso e non tanto liscio come avevo sperato. Però ormai il ritmo è ripreso. E questa sarà la frenesia che accompagnerà le prossime mattine. La addolciamo con una sbriciolata da colazione? Non ho già abbandonato i miei propositi di dieta (almeno devo arrivare a giovedì) : è una torta senza burro e abbastanza sana che non sconvolge i sensi di colpa. È anche velocissima da preparare, quindi proprio adatta al periodo.

sbriciolata di mele
ideale per la colazione

Sbriciolata con mele

Ingredienti
250 g di farina
100 g di zucchero di canna
Un cucchiaino di lievito per dolci
1 uovo
80 gr di olio di semi
2 mele
1 limone

Scaldare il forno a 180 gradi.
Sbucciare le mele e tagliarle a quadratini eliminando il torsolo. Metterle in un pentolino e cospargerle con il succo di un limone ed un cucchiaio di zucchero di canna. Lasciare ammorbidire a fiamma bassa.
In una ciotola capiente mettere la farina, il lievito e lo zucchero e mescolare. Aggiungere l’olio e l’uovo ed impastare lavorando il composto pizzicandolo con le dita in modo che risulti “bricioloso”.
Rivestire una teglia con la carta forno ed ungere il bordo.
Dividere il composto in due parti lasciandone un po’ di più per la base. Versare quindi questa parte dell’ impasto nella teglia e compattarlo un po’ con le dita. Distribuire le mele e metterci su l’altra parte dell’impasto sbriciolato.
Cuocere a 180 gradi per una quarantina di minuti.
Una volta sfornata e raffreddata si può spolverizzare con zucchero a velo. Io l’ho lasciata così, tanto per restare in tema light.

torta di mele e auguri speciali…

 

Insalata con mele e noci

insalata
insalata gustosa

Insalata per riappacificarmi con il mondo 😉…
Ed eccoci tornati alla base. Tranquilli, non vi tediero’ con le mie paturnie sul distacco dalla famiglia e sul pianto sommesso che ha accompagnato la guida di mio marito fino all’incirca a Pontecagnano. È il 2018, l’anno panciuto, ricordate? Ed in ossequio al principio del “pensa bene che bene ti viene” ho varcato la soglia della nebbia padana con tanto buon umore e splendenti bei propositi. E anche un po’ rotolando, a dirla tutta. Il mio soggiorno calabrese mi ha regalato magnifiche giornate, allegri momenti e tanta ciccia in più.
Così mi accodo al 90 per cento della popolazione mondiale che, con il nuovo anno, si propone di migliorare l’alimentazione; proposito che diligentemente (ma catastroficamente) perseguo da almeno venti anni. Non c’è stato un lunedì nella mia vita in cui non abbia iniziato una dieta… E non c’è stato un giovedì in cui detta dieta non sia drasticamente fallita (però dai, non male quattro giorni… In fondo in fondo non sono tanto una frana).

insalata con mele e noci
insalata con mele e noci

Dunque, prima idea del post feste? Insalata con mele e noci.
Insalata mista
Una mela bianca
Una decina di noci
Un limone
Olio evo
Sale q.b.
Pulire le noci e tenerle da parte.
Lavare la mela ed asciugarla. Senza sbucciarla tagliarla in due e poi a fettine sottili eliminando il torsolo; metterla in un piatto e bagnarla con il succo di un limone per evitare che annerisca.
In un scodella mettere l’insalata ben lavata ed asciugata. Salare. Aggiungere le mele e le noci. Condire con olio e mescolare bene.

Gustosissima, assicurato.

colazioni pre rientro al Sud

Torta morbida con pesche e yogurt

IMG_20170730_161507

Ed è così che, all’alba lavorativa del 31 di luglio, anche il pc dell’ufficio ha deciso che è ora di prendersi una vacanza.
Aveva iniziato a dare segni di cedimento già la scorsa settimana, ma stamattina gorgoglia come una caffettiera alle prime gocce di caffè e di mostrarmi uno schermo di un colore un po’ più allegro del nero proprio non se ne parla.

Ora comunicazione di servizio: cara mia collega di studio che leggendo dalla montagna queste righe sarai in apnea completa, non c’è bisogno che tu scenda a valle a piedi di corsa. Ascolta me; fai un bel respiro (non vanificare il lavoro di relax che avrai fatto su di te questo weekend) sappi che è tutto custodito nell’hard disk mobile. Tu sei in vacanza, io andrò in vacanza (resistendo anche alla tentazione di distruggere il computer con una mazza da baseball come nei migliori film con protagoniste donne nevrasteniche). Ci penseremo a settembre.

Quanto mi piace questa frase: ci penseremo a settembre… Questo è l’unico momento dell’anno in cui sei legittimato – anzi ti è quasi d’obbligo – mandare i problemi in stand by e già solo questo ti fa sentire più rilassato.

Nonostante abbia imprecato tutta la mattina contro la tecnologia, vi propongo una torta che ho fatto con l’aiuto del mio amico Bimby.
La ricetta l’ho trovata in www.semplicementelight.com

20170730144604_IMG_2114
Ingredienti per 8 persone: 200 g di farina 00, 150 g di zucchero integrale di canna, un vasetto di yogurt magro alla pesca, 50 g di latte p.s, 2 uova, 2 pesche, una bustina di lievito per dolci, un pizzico di sale.
Mettere nel boccale lo zucchero e polverizzarlo: 10 secondi velocità 8.
Aggiungere le uova e frullare: un minuto a velocità 3.
Aggiungere lo yogurt ed il latte e mescolare: 20 secondi velocità 6.
A questo punto aggiungere la farina , il lievito ed il pizzico di sale: 20 secondi velocità 4.
Foderare una teglia da 20 cm di diametro con della carta forno.
Versare l’impasto nella teglia e livellarlo bene; tagliare le pesche a cubetti e disporle nell’impasto.
Cuocere il dolce in forno preriscaldato statico a 180° per 30 minuti.

Nel mio forno avrei dovuto farlo cuocere qualche minuto in più.

20170730144753_IMG_2119

Nel sito trovate anche il procedimento senza il Bimby, oltre che la versione bella della torta 😜.

http://www.semplicementelight.com/2013/06/torta-bimby-yogurt-pesca-light-senza-burro-senza-olio.html

Plumcake integrale ai mirtilli

20170724122455_IMG_1981

Ed è così che la mia carriera da runner è miseramente fallita.
Ho raccontato per un mese in giro ed a me stessa quanto non mi pesasse affatto mettere la sveglia qualche minuto prima delle 6; di come fossi felice di trovare con questo piccolo accorgimento il tempo di farmi del bene; di come stessi meglio nella giornata per i minuti dedicatimi; di come raccogliessi i frutti positivi di questa scelta… Nell’ultima settimana però la mia mente ha cominciato a rinnegare codeste verità. Lunedì scorso il trillare della sveglia mi ha sorpresa nel mezzo di un sogno che avrei finito con piacere. Nonostante ciò, spinta da tanto spirito di buona volontà (e dal pensiero dell’amica trainer motivazionale che mi attendeva alla partenza) mi sono comunque alzata e trascinata fuori di casa. Martedì lo spirito di buona volontà ha iniziato a vacillare: mi sono rigirata un paio di volte nel letto prima di convincermi ed ho macinato la strada lentamente. Mercoledì ho seriamente considerato la mia andatura da villeggiante in montagna che raccoglie i fiori ed ho deciso che per quest’anno mi sono fatta abbastanza bene nelle ore mattutine. Il mio spirito di buona volontà ha lasciato lo spazio al senso di colpa compensativo: se non corro almeno mangio sano sano sanissimo che più sano non si può. E va bene, è pubblicamente noto che sabato sono stata al puro slow burger e si aggiunga la grigliata con cari amici del giorno dopo… Ma è risaputa legge scientifica che il sabato e la domenica nelle diete non si considerano.

20170724122155_IMG_1974
Fatto sta che a neanche una settimana dalla solenne promessa mi ritrovo con una gran voglia di dolce. E ora che si fa? Plumcake integrale ai mirtilli. La ricetta l’avevo scovata nel web e già provata. Più o meno recitava così.

Ingredienti: 2 uova, latte parzialmente scremato 80 ml, olio di semi 50 ml, zucchero di canna 70 gr, farina integrale 200 gr, mirtilli 200g, lievito una bustina.

Lavorare in una ciotola le uova con lo zucchero. Unire, nell’ordine, sempre lavorando, l’olio, il latte, la farina ed il lievito. Aggiungere infine i mirtilli. Versare l’impasto in uno stampo da plumcake ed infornare a 180 gradi per 40 minuti.

20170724122646_IMG_1989