chiacchiere tra salato e cioccolato

friselle

friselle

Che estate sarebbe senza le friselle al pomodoro? L’idea di prepararle in casa è nata di notte; il come ve lo racconto dopo la ricetta.

Io non riesco proprio a resistere ad un piatto con questo pane biscottato tipico del Sud (Puglia e Calabria in particolare) cosparso di succulenti pomodorini conditi con abbondante olio, sale e tanto basilico. Lo associo automaticamente al mare, al sole, alle sere di rientro dalla spiaggia con poca voglia di cucinare e desiderio di cose sfiziose. Sarà anche che da me a Praia a Mare, in Calabria, lo si ritrova quasi sempre nelle proposte del pranzo ai lidi.

E’ la prima volta che preparo le friselle in casa (avete notato che la mia cucina è piena di prime volte di cui condivido con voi i risultati? E le prime volte accolgono sempre volentieri variazioni e suggerimenti). Ad essere sincera, pensavo che la preparazione fosse più complicata. In realtà ho trovato la procedura così semplice da pensare: “ma perché non le ho mai preparate prima?”.

Nella mia agile manualità, il passaggio che ha richiesto più tempo (ma il problema è esclusivamente mio, giuro) è stato quello necessario a dare alle friselle la forma tipica, dividendo l’impasto in tanti panetti e ricavando una ciambella da ognuno.

Una volta pronte vi assicuro che il risultato è stato sorprendente, e la soddisfazione nel gustarle tutte ricolme di pomodorini massima. Superato anche il test piccolo aiutante, che ha continuato a sgranocchiarle per tutto il giorno. Provare per credere.

E avete mai pensato di fare il pane in casa? Se volete cimentarvi provate questa ricetta che vi regalerà un pane fragrante e profumato .

friselle

 

friselle
Stampa Ricetta
Tempo di preparazione
15 minuti
Tempo di cottura
45 minuti
Tempo di preparazione
15 minuti
Tempo di cottura
45 minuti
friselle
Stampa Ricetta
Tempo di preparazione
15 minuti
Tempo di cottura
45 minuti
Tempo di preparazione
15 minuti
Tempo di cottura
45 minuti
Istruzioni
  1. Sciogliere il lievito nell'acqua aggiungendo un cucchiaino di zucchero. Versare in una ciotola la farina. Aggiungere l'acqua con il lievito, l'olio ed il sale. Impastare.
  2. Coprire la ciotola e lasciare lievitare nel forno con la lucina accesa per circa un'ora.
  3. Lavorare nuovamente l'impasto, quindi dividerlo in pezzi da circa 70 g ciascuno. Formare con ogni pezzo una ciambella: allungare la pasta ed unirla all'estremità a forma di cerchio. Disporre le ciambelle formate sulla placca del forno ricoperta da carta forno e lasciare lievitare per una ulteriore ora nel forno con la lucina accesa.
  4. Cuocere le friselle in forno preriscaldato a 200° per 15 minuti. Togliere le friselle dal forno e dividere ogni ciambella in due parti. Sistemare ogni pezzo sulla teglia con la parte tagliata rivolta verso l'alto.
  5. Rimettere in forno e cuocere per 30 minuti a 170°. Togliere dal forno quando saranno dorate. Condire a piacimento.

 

Come è nata l’idea di preparare le friselle in casa?

Sono notti che non dormo. Perché? E chi lo sa. Vi capita mai di non avere per nulla sonno? Proprio niente di niente? Me ne sto al buio a fissare un punto nel nero e cerco di rilassarmi, poi chiudo gli occhi e aspetto l’arrivo di Morfeo. Ma a lui di passare da me a fare un salutino non interessa particolarmente; praticamente da un po’ di tempo mi snobba. Così conto le pecore; vi assicuro che ne conto così tante che non basterebbero ettari di terra per contenerle tutte. Ma niente, vigile come a mezzogiorno (che poi in realtà alle 12 – non dormendo la notte – mi viene su una papagna che che ve lo dico a fare). E mi annoio anche: mi verrebbe da andare a svegliare mio marito per raccontargli tutte le cose che durante il giorno non abbiamo il tempo di dirci; ma desisto, perché qualcosa mi dice che non apprezzerebbe. Intuito femminile. Alla fine mi arrendo a starmene in silenzio al buio mentre i pensieri lavorano. Quando finalmente crollo sono le 5, e nemmeno un’ora e mezza dopo sobbalzo al suono della sveglia.

L’idea di questa ricetta è nata così, in piena notte, con la mia testa che invece di spegnersi ha bisbigliato: “domani, quasi quasi, provo a fare le friselle”. Attendo fiduciosa che questa tendenza passi. Le friselle invece le ho fatte davvero.

Se ti è piaciuto l'articolo, condividilo:


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *