il profumo del pane fatto in casa

Pane fatto in casa

Quanto è buono il profumo del pane fatto in casa?

Ho realizzato che non potrò mai essere filiforme la prima volta che mi è stato detto che, per raggiungere questo risultato, avrei dovuto diminuire – se non addirittura eliminare – il pane. Ecco, io al pane faccio proprio fatica a rinunciare. Che sia bianco o integrale, pagnotta o panino, fragrante o morbido, mollicoso o più consistente, poco importa: accompagnare un secondo o un contorno così non ha prezzo; ed anche da solo sa il fatto suo.
Quando poi lo preparo in casa, il profumo si espande tutto attorno ed è un piacere muoversi dentro questo sentore di buono. Uso il forno elettrico e mi mangio le mani, perché ho uno spettacolare forno a legna da cui riesco a cavare ottime pizze, ma che non mi soddisfa altrettanto con la panificazione.

I risultati non molto edificanti non mi spaventano (dalla faccia che fa ogni volta che gli propongo l’esperimento, credo che terrorizzino di più il coniuge che ha l’incombenza dell’assaggio) e non mi arrendo (marito, visto che bella notizia??? 😉 ): proverò e riproverò e alla fine riuscirò a cacciare una pagnotta ben cotta, leggera e non stagna, proprio come piace a me. Accettasi suggerimenti.

Pane
Ingredienti

Farina 500 g
Lievito di birra 15 g
Zucchero 1 cucchiaino
Olio evo 40 g
Sale 1 cucchiaino
Acqua 250 g circa (valutare sempre la consistenza)

Scaldare l’acqua in un pentolino e scioglierci il lievito aggiungendo anche lo zucchero. Mettere la farina in un’ampia ciotola con il sale; versare l’acqua con il lievito poco per volta iniziando ad impastare. Unire l’olio e proseguire la lavorazione. L’impasto è pronto quando stacca i residui dalle mani e queste restano praticamente pulite. Formare una palla e coprire la ciotola con la pellicola. Lasciare lievitare in luogo caldo per un paio di ore o comunque fino a che il volume non sarà raddoppiato.

Infarinare il piano di lavoro e stendere la pasta con un mattarello. Arrotolare la pasta dando la forma di una brioche. Spostare l’impasto sulla placca del forno rivestita con l’apposita carta e lasciare lievitare ancora un’oretta nel forno spento con la luce accesa. Incidere la superficie con dei tagli obliqui.

Cuocere in forno statico preriscaldato a 230° per dieci minuti proseguendo poi la cottura a 180° per ulteriori 40 minuti circa. Sfornare.

 

 

 



2 thoughts on “il profumo del pane fatto in casa”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: